Frammenti

Da L'Avvenire dei lavoratori - Periodico socialista dal 1899.

Frammenti di vita e d'esilio


QUADERNO 2006.1-2

CHF x, Euro x


Per informazioni o per l'acquisto




Giulia Bondanini non tenne un “carnet de route de l’exil” come Vera Modigliani che, tra l’autunno del 1940 e l’estate del 1944, annotando “le impressioni e i ricordi” di un quasi ventennale esilio, scrisse una sorta di autobiografia collettiva dell’antifascismo italiano all’estero.


Né approdò come Lidia Campolonghi a un’operosa vecchiaia, nella quale trovare tempo e gusto per raccontare “la vie d’une femme antifasciste”.


A metà strada tra la generazione di Vera Funaro, moglie di Emanuele Modigliani, e quella di Lidia Campolonghi, figlia di Ernesta e Luigi, Giulia Bondanini ha lasciato solo testimonianze frammentarie e occasionali della sua esperienza di esule antifascista.

Nondimeno le lettere e i ricordi che restano di lei ci offrono alcuni segmenti significativi per comprendere un percorso esistenziale, che nell’opposizione al fascismo ha trovato il suo asse fondamentale di riferimento e nell’esilio, in Francia e poi in Svizzera, il suo baricentro.


SOMMARIO

7 INTRODUZIONE di Elisa Signori

50 AVVERTENZA

51 CAPITOLO I – Sorvegliata speciale

97 CAPITOLO II – Fuga

107 CAPITOLO III – In esilio

133 CAPITOLO IV – In guerra

138 CAPITOLO V – Di ritorno in patria

160 CAPITOLO VI – Per la ricostruzione

170 CAPITOLO VII – Di nuovo in Svizzera

173 INDICE DEI NOMI



modified on 24 giu 2009 at 10:17 ••• total 3.566 views ••• Top